Il Nostro Territorio


L’azienda Agricola della Famiglia Taglioni, attiva da quattro generazioni, si estende nel territorio del Comune di Bettona, nella grande piana sovrastata da  Assisi e Perugia.

Bettona sorge su una "terrazza naturale" che domina la Valle Umbra percorsa dai fiumi Chiascio e Topino e ha dirimpetto la città di  Assisi. Le sue origini sono sicuramente Etrusche, come è oramai affermato da vari studiosi  e come testimoniato dai resti delle imponenti mura etrusche. 
La sua fondazione viene datata fra l'VIII e il VII secolo a.C. L'etimologia di Bettona è ancora incerta c'è chi dice che derivi dal fenicio altri dicono dal linguaggio etrusco. In epoca romana  divenne "municipium" con il nome di Vettona. Il borgo antico di Bettona è un luogo di meravigliosi panorami e paesaggi naturalistici, immerso in una cornice naturale di boschi, colline e montagne.

Sono gli Etruschi ad avere portato in queste zone  la cultura dell’allevamento del maiale; negli scavi effettuati  risulta che il 60% dei reperti ossei riguarda i maiali, in minore quantità si sono trovate ossa di ovini, caprini e i bovini. Lo studio dei reperti ha dimostrato un'età di macellazione di circa due-tre anni per i maiali, di tre anni per gli ovi-caprini. Questo significa che gli etruschi praticavano un tipo d'allevamento stabile e specializzato per la produzione della carne suina, ovina con produzione di lana e probabilmente di latte e, limitatamente, anche bovina per il tiro degli attrezzi agricoli.

L'analisi dei reperti di un¬† sito archeologico ha dato un risultato sorprendente: fra le ossa di maiale ritrovate, sono molto rare quelle degli arti posteriori. Dato l'altissimo numero di reperti studiati, si a arrivati alla conclusione che le cosce dei maiali macellati venissero mangiate altrove, che insomma fossero salate, trasformate in prosciutti, vendute e trasportate lontano. Verso quali mercati si esportavano i prosciutti? L'ipotesi pi√Ļ probabile √® che l'Etruria esportasse verso la Grecia. Le fonti greche antiche, infatti, decantavano la variet√† e la qualit√† delle merci provenienti dall'Italia: non solo il vino e il grano, ma anche la carne.

La tecnica della salagione √® stata utilizzata dai romani che qualificavano la coscia intera di suino, asciugata dal sale e da una lunga stagionatura, con l'aggettivo "perexsuccus", molto asciutto, dal quale √® derivato il termine ‚Äúprosciutto‚ÄĚ.
Questa eredità culturale  bimillenararia  dell’allevamento e della trasformazione della carni rivive oggi nelle produzioni della Famiglia Taglioni,  attenta al recupero delle tecniche tradizionali e dell’uso degli stessi ingredienti naturali delle epoche passate.

Visualizza n. 
Spoleto
Orvieto
Gubbio
Spello
Bevagna
Bettona
Assisi

















Il nostro allevamento

Newsletter

Contattaci